Congo Rdc: Un sogno si realizza a Kilemba

L'ambulatorio in cui operava l'infermiere Prosper ha preso forma. Occorre uno sforzo in più per terminarlo.

sogno realizzato
Il nuovo dispensario di Kilemba

Nel villaggio di Kilemba sta finalmente vedendo la luce il dispensario Saint Prosper, intestato all’infermiere che, a titolo volontario, si è preso cura degli ammalati di questa zona del Congo dal 1999, anno in cui è andato in pensione, fino alla sua morte.
Tutti qui gli sono riconoscenti perché, fra quattro pareti di fango e paglia e su di un pavimento di terra, ha assistito sofferenti di malaria, vittime di incidenti stradali e di morsi dei serpenti, e ha fatto nascere anche molti bambini.

Dona ora


Bambini poveri Congo
I bambini di Kilemba

Per dare continuità a un servizio indispensabile per un villaggio lontano quattro ore di cammino dal Centre de Santé più vicino, la Diocesi di Kikwit aveva deciso di trasformare la cadente casupola che costituisce l’ambulatorio in un edificio vero, con pareti di mattoni e un tetto in lamiera. Senza mezzi pareva un’impresa impossibile da realizzare, fino a quando don Paul Mindjeke, sacerdote diocesano, non ha chiesto il sostegno di Cuore Amico per costruire il nuovo dispensario.
Nei mesi scorsi l’edificio è stato realizzato con grande soddisfazione di tutti, anche se restano alcune cose ancora da completare, come la fornitura di attrezzature di base e la realizzazione di pannelli fotovoltaici per rendere la struttura autonoma dal punto di vista energetico.
In attesa che l’accesso alle cure per la popolazione avvenga finalmente in un edificio rispettoso dei necessari standard di pulizia e igiene, nel presentarci la nuova richiesta di sostegno l’abbé Paul ci ha scritto che «i membri del villaggio sono felici di vedere loro calvario finire con vostro aiuto. Ringraziando Cuore Amico, pregano anche per tutti benefattori».


ambulatorio medico di paglia e fango
L'ambulatorio prima era una semplice casupola in paglia e fango

Un ambulatorio per i più poveri
Pubblicato a maggio 2021 | Idp 105006

Dopo molti anni in cui un infermiere volontario ha curato i poveri in una casupola, padre Paul Mindjeke vorrebbe realizzare un vero ambulatorio.

Sono passati vari anni da quando è stata creata la struttura di assistenza sanitaria di base nel villaggio di Kilemba, nella Repubblica Democratica del Congo. Ma bisogna intendersi sul significato del termine “struttura”…
Come si può vedere dalle foto, si tratta di una semplice casupola in paglia e fango. Ma la sua storia vale la pena di essere raccontata. Nel 1999, un infermiere in pensione di nome Prosper, dopo aver prestato servizio per oltre 40 anni nell’unico ambulatorio che esisteva nella regione, gestito dai monaci trappisti, si ritirò a Kilemba, suo villaggio natale. Lì ha continuato il suo lavoro di infermiere come volontario, fornendo le prime cure alle persone vulnerabili, curando i bambini sofferenti di malaria, soccorrendo le vittime di incidenti stradali e le persone morse dai serpenti, assistendo sempre i più poveri e bisognosi. La sua attività è stata di grande aiuto anche per le gestanti, perché ha evitato che molte donne partorissero a casa, una pratica molto comune con grave rischio di morte per la mamma e per i neonati.
La realizzazione di questo “ambulatorio” è stata provvidenziale e ha consentito alla popolazione di avere un minimo di assistenza sanitaria. Il villaggio, infatti è lontanissimo da altre strutture: i suoi abitanti, per farsi curare, sono costretti a percorrere oltre 20 chilometri a piedi, che richiedono circa 4 ore di cammino.
Dopo la morte di Prosper, la diocesi di Kikwit si è presa carico delle urgenze sanitarie della popolazione di Kilemba e dei suoi dintorni. Purtroppo, con la crisi economica che sta attraversando la Repubblica Democratica del Congo, la diocesi non è stata in grado di migliorare le condizioni di accoglienza dei pazienti, né di fornire attrezzature adeguate per l’assistenza sanitaria di base. La sola cosa che ha potuto fare è stata affidare a un'infermiera la gestione dell'ambulatorio. Oggi, con la crescita della popolazione e la lontananza del centro ospedaliero e dell'ospedale di riferimento, la popolazione di Kilemba e dei suoi dintorni continua a frequentare numerosa il dispensario, nonostante i suoi tanti limiti.
Per ovviare a questa situazione, don Paul Mindjeke, sacerdote della diocesi di Kikwit, chiede il sostegno di Cuore Amico per costruire un nuovo dispensario, intitolato all'infermiere Prosper, per consentire alla popolazione di accedere facilmente alle cure in un edificio degno di tale nome, in muratura, con elettricità di origine fotovoltaica e acqua pulita ricavata da un pozzo, che rispetti i necessari standard di pulizia e igiene.
Un ambulatorio che consenta alla gente di accedere facilmente alle cure mediche e permetta alle donne di partorire in una zona loro riservata, riducendo così il tasso di mortalità materna e infantile.


Progetto completato. Grazie ai benefattori!

Scegli un altro progetto che ha ancora bisogno di aiuto! Prima pagina »»



Id progetto: 105006 | Aggiornato il 1 ottobre 2022  da F. Tagliaferri email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Congo Rd

[Idp 105171 del 23 dicembre 2022]

danni alla scuola C'è bisogno di aule nuove e sicure
L'edificio scolastico è costituito da un grande salone, in parte crollato per il maltempo. Ma oltre 400 bambini dovrebbero poter frequentare una vera scuola.
Progetto: 105171 Progetto: 105171
Congo Rd

[Idp 105558 del 29 agosto 2022]

Bambini poveri Congo Giocattoli, sedie, banchi per i bimbi dell'asilo
Sedie, banchi, armadi, materiale scolastico e didattico. Alle uniche due scuole materne delle Suore di Gesù Educatore manca ancora tutto per garantire istruzione a molti bimbi.
Progetto: 105558
Congo Rd

[Idp 105475 del 21 luglio 2022]

Bambini del Congo Maialini per gli orfani
Costruire una porcilaia e un piccolo allevamento di maialini per insegnare un mestiere e migliorare l'alimentazione dei giovani dell'orfanotrofio di Bibwa.
Progetto: 105475

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Feed