Cuore amico

Congo Rd: Bambini, non minatori

Mentre usiamo il nostro cellulare o viaggiamo su auto elettriche, certi di far bene al pianeta, dovremmo ricordare le migliaia di minori sfruttati per estrarre il cobalto. Il sogno delle Suore del Buon Pastore è tentare di eliminare il lavoro minorile nelle comunità di minatori artigianali di Kolwezi.

Bambini minatori sfruttati Congo
Anche questi bambini devono essere curati

«Non è divertente andare in miniera. Ma adesso per me quel lavoro è finito. Ora studio e sto bene. A scuola ho imparato che anche i bambini come me hanno dei diritti e che tutti i bambini nascono uguali». Morgan ha otto anni ed è uno delle migliaia di bambini che con il loro lavoro, da anni, forniscono le materie prime rare che alimentano l'era digitale: cobalto, rame, tantalio per i nostri cellulari. Mentre viaggiamo comodi sulla nostra auto elettrica, certi di fare bene al pianeta, non sappiamo che dall’altra parte del mondo c'è un'economia che uccide.
Le batterie per auto ibride o elettriche (che necessitano tra gli 8 e i 9 kg di cobalto) hanno fatto impazzire il mercato e la Repubblica Democratica del Congo - che garantisce da sola il 60% del fabbisogno mondiale – ha richiamato sul proprio territorio tantissime multinazionali.
Il risultato è che oltre la metà dei bambini della zona di Kolwezi (ex Katanga), da cui si estrae molta parte del cobalto, è impiegato in miniera, con un abbandono pressoché totale della scuola fin dalle elementari.


Sfruttamento minorile miniere congo

Questo perché il 90% della popolazione locale è costretta a vivere con meno di un dollaro al giorno.
Quando le Suore del Buon Pastore sono arrivate nel 2012, su invito del vescovo di Kolwezi, non c’era nessuno per le strade, nemmeno i bambini. Tutti costretti a lavorare in miniera.
Da allora le missionarie si sono prodigate per queste piccole comunità di minatori artigianali, aiutando in particolare donne e bambini a sfuggire alla dura vita nelle miniere per andare a scuola, avere delle alternative di sostentamento e costruire comunità più sicure.
Ma le attività minerarie restano e coinvolgono ancora minori e donne. Se il problema dell’istruzione è in parte risolto grazie a una scuola per i bambini e a corsi di formazione per le donne, occorre venire incontro alle esigenze sanitarie.


Lavoro minorile Congo

L'isolamento di queste comunità, infatti, non permette loro di accedere ai servizi sanitari di base che sono pochi e molto distanti, oltre agli alti costi che li rendono inaccessibili alla maggior parte degli abitanti. Inoltre il lavoro in miniera, con le attività di scavo, trasporto, estrazione, frantumazione e lavaggio del minerale, causano traumi e rischi gravi per la salute. I bambini specialmente andrebbero assistiti con maggiore frequenza.
Ecco perché le suore intendono acquistare una clinica mobile per fornire gratuitamente servizi sanitari di pediatria, ostetricia e ginecologia nei villaggi di Kanina, Kisote, Mukoma e Tshala.
Su un furgone 4x4 si potrebbero raggiungere queste comunità anche durante la stagione delle piogge, quando le strade sono meno praticabili, visitandone una ogni due settimane.
Solo monitorando periodicamente lo stato di salute di donne, bambini, neonati e madri si potrà porre rimedio alla grave carenza sanitaria, contribuendo anche a diffondere buone pratiche relative alla salute, all’igiene e alla prevenzione, cominciando dalle campagne di vaccinazione in età infantile.
Sapendo tutto questo possiamo restare sordi e guidare senza pensieri la nostra auto elettrica, magari mentre distrattamente telefoniamo con il nostro cellulare?


Come sostenere questo progetto

Per attrezzare la clinica mobile occorrono: Ecografo per assistenza ginecologica e ostetrica (12 mila euro) | Acquisto materiale sanitario e medicinali per un mese (1.200 euro) | Kit di emergenza con defibrillatore, ossigeno, ecc… (1.650 euro)

Dona ora conCredit Card | Altri modi per donare | Benefici fiscali



Id progetto: 105162  | Aggiornato il 24 maggio 2021  da P. Ferrari email | modifica | permalink



Altre Missioni in questo Paese

Congo Rd

[Idp 105065 del 1 giugno 2021]

bambino albino in Congo Contro la superstizione
La Diocesi di Kisangani chiede aiuto per poter garantire assistenza e istruzione ai bambini albini africani, gravemente discriminati.
Progetto: 105065 Progetto: 105065
Congo Rdc

[Idp 105006 del 2 maggio 2021]

ambulatorio medico di paglia e fango Un ambulatorio per i più poveri
Dopo molti anni in cui un infermiere volontario ha curato i poveri in una casupola, padre Paul Mindjeke vorrebbe realizzare un vero ambulatorio.
Progetto: 105006 Progetto: 105006
Congo Rd

[Idp 103924 del 1 maggio 2021]

bambini che frequentano la scuola Grazie dai bambini pigmei
A Bokoro, cittadina della Repubblica Democratica del Congo la piccola scuola oggi può accogliere più studenti di etnia pigmea.
Progetto: 103924 Progetto: 103924

Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Feed