Natale: Il cammino della fraternità

A Natale ricordiamo la nascita di Gesù bambino. Chi lo accoglie non si affida al caso, ma conta su una promessa, quella di chi ha infine donato la propria vita per noi. Per festeggiare questo Natale percorriamo con lui il cammino della fraternità.

migranti a piedi
Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo.

In un breve racconto di Leopardi, un cliente chiede a un venditore di calendari: «Coll'anno nuovo, il caso incomincerà a trattar bene voi e me e tutti gli altri, e si principierà la vita felice. Non è vero?». E il venditore risponde: «Speriamo!».
C'è sempre un po' di frenesia in preparazione al Natale. I centri storici sono illuminati, così come le vie dello shopping. Potremmo chiederci per che cosa tanta luce e a quale scopo la frenesia di trovare regali, acquistare cibi o cose nuove? Siamo in attesa di qualcosa?
Forse che finisca finalmente questa lunga parentesi della pandemia che ha messo a nudo le nostre fragilità e la nostra impotenza?
Viviamo però in un mondo diviso: c'è chi sogna di riprendere quella vita un po' spensierata (e talvolta irresponsabile) di prima e chi invece deve fare i conti con la guerra, la fame, le carestie o la privazione della libertà.
A Natale ricordiamo la venuta di Dio in mezzo a noi, non per condannare o giudicare, ma per camminare con noi.
Chi lo accoglie, può percorrere con lui il cammino: quello della fraternità, quello della solidarietà, quello della disponibilità al perdono e alla riconciliazione.
Chi lo accoglie non si affida al caso, ma conta su una promessa, quella di chi ha donato la vita per noi e ci ha assicurato:
Ecco, io sono con voi tutti i giorni, fino alla fine del mondo.

Don Flavio Dalla Vecchia - Presidente


Non facciamo mancare il nostro aiuto. Regaliamo un pasto ai più poveri!


cucina solidale per i poveri
Perù.
A Lima, i Padri Giuseppini intendono estendere la loro opera di sostegno alimentare in favore dei più poveri e deboli potenziando una "Cucina Solidale" che distribuisce già oggi 200 pasto al giorno.
mensa solidale per famiglie
Libano.
A Damour padre Damiano Puccini è impegnato ad aiutare le famiglie siriane in assoluto stato di necessità. Il sacerdote ha avviato una cucina di volontari e consegna cibo ogni giorno a circa 60 nuclei familiari, al di là delle appartenenze religiose.
pane per i terremotati
Haiti.
Manca tutto nell'isola caraibica devastata dal sisma del 14 agosto. Cerchiamo di essere vicini ai Padri Camilliani che si adoperano per portare aiuti alimentari e sanitari ai villaggi più remoti.




I missionari in visita a Cuore Amico hanno voluto esprimere i propri auguri ai benefattori. A tutti Buon Natale!


presepe
Buon Natale!

Ci stiamo preparando per festeggiare la nascita di Gesù bambino e la tradizione vuole che la festa si concluda in famiglia attorno a un tavolo ricco di tante cose buone.
L'occasione però non deve farci dimenticare di chi non ha molto per festeggiare.
A Natale ricordiamo la venuta di Dio in mezzo a noi, non per condannare o giudicare, ma per camminare con noi.
Chi lo accoglie, può percorre con lui il cammino: quello della fraternità, quello della solidarietà, quello della disponibilità al perdono e alla riconciliazione.




Aggiornato il 25 dicembre 2021  da Redazione Cuore Amico email | modifica | permalink



Iscrizione alla Newsletter

Per ricevere ogni mese la rivista in pdf con le notizie sui progetti che sosteniamo in tutto il mondo.

 
Ho letto e approvato l'informativa sulla privacy e autorizzo l'Associazione Cuore Amico Fraternità Onlus al trattamento dei dati personali per l'invio di comunicazioni inerenti esclusivamente le attività istituzionali. N. B. Riceverai una e-mail di verifica con un link da attivare per confermare l'iscrizione alla newsletter.

Youtube Instagram Facebook Twitter Linkedin Telegram Feed